Sbagliando si impara, ma dagli errori talvolta nascono le cose migliori.
Così è per lo yogurt, un prodotto le cui origini risalgono a 4mila anni fa, quando i pastori nomadi della Turchia erano soliti trasportare il latte in recipienti di pelle.
La leggenda narra che un pastore, dimenticato al sole un recipiente di latte, si fosse ritrovato con un prodotto più denso e saporito. Il precursore dello yogurt moderno. Non a caso “yogurt” in turco significa “latte denso”.

yogurt

Lo yogurt, fonte inesauribile di calcio, proteine e carboidrati contiene anche magnesio e fosforo. I fermenti lattici di cui è ricco aiutano ad assimilare il calcio e contribuiscono a rinnovare la flora batterica. Inoltre, ha effetti benefici sul sistema immunitario, perché con il suo consumo l’organismo acquisisce dei batteri detti “probiotici” (a favore della vita) che ne migliorano lo stato di salute, con un’azione mirata sul sistema immunitario. Così, gli anticorpi dell’ospite agiscono anche sulle mucose delle vie aeree e delle ghiandole mammarie, favorendo il benessere fisico.

In poche parole lo yogurt è una specie di “medicinale naturale” utilissimo e, non ultimo, dal gusto piacevole.

A colazione, valida alternativa al latte, si abbina a cereali, miele e frutta fresca, può essere un gustoso spezzafame o un dessert light, oltre che base per numerose ricette, dalle salse d’accompagnamento (dressing) a biscotti o soffici ciambelloni.

Molti credono che fare lo yogurt sia una procedura semplice, ma, come tutti i prodotti, necessita di attenzione, cura e pazienza. La naturale “maturazione” del latte va stimolata e favorita tramite l’inoculo del fermento (oppure utilizzando uno yogurt bianco) e poi seguita, mantenendo la temperatura di circa 40 gradi per diverse ore.

Oggigiorno, le yogurtiere elettriche disponibili nei negozi di casalinghi o i kit fai-da-te commercializzati on-line facilitano il lavoro e permettono di realizzare yogurt personalizzato secondo i propri gusti.

The following two tabs change content below.

Romina

Studentessa di tecnologie alimentari. Sfruttando le mie conoscenze chimiche e microbiologiche cercherò di darvi consigli, su come garantire la qualità e conservabilità degli alimenti.

Ultimi post di Romina (vedi tutti)