” San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per l’aria tranquilla
arde e cade, perché sì gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.[…]”

Giovanni Pascoli “X Agosto”

san lorenzo: cadono le stelle

Notte di stelle cadenti per tradizione. Altrimenti note come “lacrime di San Lorenzo”, sono le Perseidi, uno sciame meteorico che la Terra attraversa nel periodo estivo, nella sua orbita attorno al Sole. Visibili ad occhio nudo, ispirarono Pascoli per l’incipit della celebre poesia “X Agosto”.

Secondo un antico modo di dire fiorentino “San Lorenzo una gran caldura, Sant’Antonio una gran freddura, l’una e l’altra poco dura”, il 10 agosto sarebbe il giorno più caldo dell’estate, opposto al 17 gennaio, in cui si celebra Sant’Antonio, che segnerebbe la temperatura più rigida.

Allora, prima di salutare la mitezza se non l’afa di questi giorni, perchè non approfittare di questa occasione per fare un po’ di festa?

La nascita dei festeggiamenti per San Lorenzo

La celebrazione nasce anticamente e vede affiancarsi riti religiosi e costume popolare. Nella Firenze del Rinascimento, la presenza dei Medici portò vitalità al quartiere di San Lorenzo con l’omonima Basilica, attorno alla quale la nobile famiglia fece costruire le Cappelle. Rilevante allora era la presenza dell’Arte dei Fornai che avevano eletto San Lorenzo come protettore e in ricordo del suo martirio omaggiavano solennemente le reliquie del Santo esposte nella chiesa. Gli stessi fornai fiorentini formarono una Compagnia religiosa, detta appunto di San Lorenzo, che per consuetudine in questo giorno distribuiva pani benedetti ai poveri. La sera invece si teneva il Palio dei cavalli cui seguiva una “cocomerata” all’insegna dell’allegria. I forni e le botteghe, assai numerosi intorno alla Basilica, allestivano per l’occasione ricche vetrine invitanti, dove faceva mostra la “lasagna”, definita dal Vocabolario della Crusca “sorta di pasta di farina di grano, sottile e in forma di larga striscia o nastro, leggermente increspata da un lato, la quale per lo più può adoperarsi per minestra”. Da qui negli anni si è tramandata fino ad oggi l’usanza di donare per cena lasagne e cocomero in piazza San Lorenzo. Nella mattinata invece, potremo seguire il Corteo Storico della Repubblica fiorentina, con partenza dalla piazzetta di Parte Guelfa.

San Lorenzo in Mugello

Non troppo distante da Firenze, nel soleggiato Mugello, il Comune di Borgo San Lorenzo ospita altrettante iniziative per la ricorrenza. Quest’anno in programma tre giorni di festeggiamenti, dal 8 al 10 agosto, con mercatino artigianale, punti ristoro e dj-set serale in Piazza. Aperte le iscrizioni per corse in notturna e, novità assoluta, il Palio, una serie di sfide divertenti e inedite per aggiudicarsi il drappo della vittoria.  Oltre ai consueti appuntamenti sacri, chiusura scoppiettante con spettacolo pirotecnico.

Per maggiori informazioni

Per chi non può fare a meno di esprimere un desiderio alle stelle, quest’anno la serata di massimo avvistamento è  prevista tra il 12 e il 13 agosto.
Buon San Lorenzo a tutti!!

 

The following two tabs change content below.

Elena

Da sempre appassionata di ricette, tradizioni e segreti in cucina. Nel tempo libero mi diverto a realizzare dolci casalinghi e a sperimentare, con una preferenza per gli ingredienti di stagione. Il lavoro mi ha fatto avvicinare al mondo dei formaggi che è davvero vasto, non si finisce di scoprirli e apprezzarli. Vorrei condividere qui le preparazioni che più mi incuriosiscono, perché qualcun altro le provi.

Ultimi post di Elena (vedi tutti)